“Scegli con gusto e gusta in salute”

Un progetto della Regione rivolto a ragazze e ragazzi degli istituti alberghieri per promuovere una sana alimentazione e consumi consapevoli in tema di bevande alcoliche e, inoltre, per intervenire nella loro formazione di futuri operatori del settore alimentare. Con una attenzione al piacere e al gusto. Tra gli obiettivi del progetto, inserito nel Piano regionale della prevenzione, un ricettario con i migliori piatti e i migliori cocktail analcolici proposti dagli studenti.

Tortino di riso, zuppa con cereali e legumi, spezzatino di vitello, insalata della dea Igea. Sì a una sana alimentazione e a consumi consapevoli in tema di bevande alcoliche, a una attenzione a corretti stili di vita nelle scelte alimentari, ma con un particolare riguardo al piacere e al gusto. Perché non sta scritto da nessuna parte che la promozione della salute significhi per forza rinunciare alla buona tavola.
Il progetto della Regione Emilia-Romagna “Scegli con gusto e gusta in salute”, che si rivolge a ragazze e ragazzi degli istituti alberghieri, contiene questa premessa e si inserisce nelle strategie per meglio avvicinare i più giovani ai temi legati alla promozione della salute e che hanno a che fare con la costruzione di una consapevolezza rispetto ad abitudini e stili di vita sani.
Il coinvolgimento degli istituti alberghieri nasce dalla opportunità, allo stesso tempo, di sviluppare percorsi di formazione specifici in questo ambito per i futuri operatori del settore alimentare.
Un aspetto centrale dell’esperienza “Scegli con gusto e gusta in salute” è il lavoro tra gli studenti, nella convinzione di quanto sia efficace stimolare, rispetto agli stili di vita, l’attività e il confronto “tra pari”, accanto al più tradizionale confronto che si instaura tra allievi e insegnanti.

Il progetto è stato avviato lo scorso anno, in via sperimentale, in quattro istituti: due a Reggio Emilia, uno a Rimini, uno a Riccione.
E si articola in laboratori e approfondimenti tematici, con il coordinamento didattico – a supporto degli insegnanti – di “Luoghi di prevenzione” di Reggio Emilia, il Centro regionale di didattica multimediale per la promozione della salute, la cui gestione è affidata alla onlus  “Lega contro i Tumori”, all’Azienda Usl, al Comune e alla Provincia di Reggio Emilia.

Dunque, attenzione alle ricette che comprendano in modo equilibrato salute e gusto, consumo consapevole di alcol e promozione di bevande analcoliche, educazione alla percezione dei sapori.
Il concorso che ha chiuso la sperimentazione ha premiato le quattro migliori ricette proposte da ragazze e ragazzi. E tre bevande analcoliche: un centrifugato di frutta e i cocktail “Ananas Go” e “Natural fruit”.

Il positivo riscontro avuto dalla sperimentazione ha spinto la Regione a estendere ora il progetto a tutti gli istituti alberghieri dell’Emilia-Romagna che siano interessati.
La presentazione di questa nuova fase si svolge martedì 25 settembre a Reggio Emilia, nella sede del Centro “Luoghi di prevenzione (dalle 10, viale Umberto I n. 50).

Accanto ai laboratori e ai focus di approfondimento, viene riproposto il concorso, che ora diventa regionale: a ragazze e ragazzi viene dunque chiesto di mettere in campo le competenze che stanno acquisendo e la loro creatività per proporre ricette e cocktail analcolici, secondo criteri di qualità in termini di sapore, salute e sicurezza.
L’obiettivo finale è realizzare un ricettario regionale con le migliori idee elaborate nel corso dell’anno scolastico.

Il progetto “Scegli con gusto e gusta in salute” è realizzato dal Servizio veterinario e igiene degli alimenti e dal Servizio salute mentale e dipendenze patologiche della Regione Emilia-Romagna, in collaborazione con il Centro “Luoghi di prevenzione”, ed è inserito nel Piano regionale della prevenzione, lo strumento di programmazione che coinvolge l’intero Servizio sanitario regionale per la promozione della salute e la prevenzione delle malattie, coinvolgendo tutti i soggetti che, a livello istituzionale o con altri ruoli nella società, possono creare le condizioni o determinare politiche favorevoli alla salute.

Fonte: Portale Salute della Regione Emilia-Romagna, www.saluter.it

Questa voce è stata pubblicata in Attualità. Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.